Chi siamo - Guardia fuochi

Vai ai contenuti
I Guardiafuochi in Italia esistono dal 1940,  nacquero principalmente per svolgere l'attività di Servizio Integrativo Antincendio all'interno delle aree portuali e zone limitrofe. Negli ultimi anni, in particolare con l'emanazione del D.Lgs. 626/94 poi 81/08 e del D.M. 10.03.1998, la richiesta di servizi è aumentata anche in tutti i settori non normativi specificatamente. Per questo motivo abbiamo deciso di far partire questa iniziativa, per dare maggior organicità dei servizi svolti; perché i Guardiafuochi sono dei veri e propri Vigili del Fuoco Privati. Il settore dell'estinzione incendi e di tutti coloro che montano e che  si occupano della manutenzione degli estintori non è normativo. Non è necessaria alcuna qualifica per fare questo lavoro. Il Corpo Nazionale Guardiafuochi potrà colmare questa lacuna? Uno dei punti basilari del nostro programma è quello di dare maggior professionalità al personale che opera nel settore antincendio, mediante seminari, esercitazioni, corsi di formazione ed aggiornamento che verranno organizzati a livello regionale e nazionale. Riteniamo che, in questo modo, solo chi avrà un certo iter formativo documentabile, potrà effettuare determinati tipi di servizio nel campo antincendio, manutenzione incluse.


Mansioni
Le mansioni dei Guardiafuochi prevedono la sorveglianza e la prevenzione incendio sui pontili e banchine dove operano navi cisterna, sulle navi che trasportano merci pericolose, su navi dove si effettuano lavori a fiamma e nei cantieri navali. È prevista la sorveglianza e la prevenzione incendio anche fuori dall'ambito portuale su autorizzazione del Comando provinciale dei vigili del fuoco dove si svolge il servizio, in particolare su elisuperfici e piccoli aeroporti con apposita abilitazione. Particolari mansioni sono previste per la gestione dei liquidi e/o prodotti infiammabili in particolare le guardie devono essere in grado di eseguire l'attacco e stacco delle manichette per la movimentazione di liquidi infiammabili, la sorveglianza delle linee durante trasferimenti, l'impiego delle pompe per l'estinzione di incendio e per i flussaggi nonché lo smontaggio delle linee antincendio. In caso di incendio il guardiafuochi dopo aver dato l'allarme deve essere in grado di effettuare il primo intervento ed eventualmente non fosse sufficiente, avvisare la capitaneria di porto ed essere in grado di collaborare con le squadre antincendio dello stabilimento, della nave e dei vigili del fuoco. È prevista inoltre la sorveglianza antinquinamento ambientale e la manutenzione di mezzi e cose aziendali, Sicurezza su Lavoro, Spazio Confinato, Antincendio Tecnico  Boschivo, Avvistamento Boschivo,Protezione Civile, Gruppo Speleo Fluviale, Assistenza Sociale e Socio Sanitaria.
Da un idea di un gruppo di amici con esperienza da diversi anni nel settore del volontariato, il giorno 20 nel mese di Agosto del 2012 in via Antonio Villari n. 112 – 80135 Napoli, si sono riuniti in assemblea, per la costituzione dell’Associazione di volontariato denominata “GUARDIAFUOCHI CAMPANIA” L’organizzazione è costituita in conformità all’art. 36 del Codice Civile, alla legge quadro sul Volontariato 266/91 e alla legge regionale 22/93.
Il Nostro Impegno
ANTINCENDIO TECNICO E BOSCHIVO – ISTRUTTORE ANTINCENDIO - PROTEZIONE CIVILE – GRUPPO SPELEO FLUVIALE – ASSISTENZA SOCIALE E SOCIO SANITARIA - VIGILANZA ANTINCENDIO — PROGETTO SCUOLA SICURA - PORTIERATO E VIGILANZA - MANUTENZIONE DEI GIARDINI - POTATURE E ALLEGGERIMENTO DI ALBERI AD ALTO FUSTO.



Torna ai contenuti